Ni No Kuni 2

Qualcuno di voi ricorda il tredicenne Oliver, protagonista di Ni No Kuni: la Minaccia della strega Cinerea? Bene.

Per la gioia dei fan di questa serie il 28 Marzo del 2018 è uscito il nuovo capitolo, Ni No Kuni 2: il destino di un Regno. Questo sequel in verità si distanzia molto dal titolo iniziale, sia per la trama che per il gioco in generale: i personaggi sono cambiati, la storia è più complessa, la grafica è migliore, il gameplay più ricco.

Questa volta il giocatore veste i panni di Evan, un giovane erede al trono della città di Ding Dong Dell; costretto a fuggire a causa di un colpo di Stato, decide di fondare un nuovo Regno nel quale tutti possono vivere felici e contenti, riuniti sotto un’unica bandiera. Il ragazzo, così, intraprende un percorso di formazione che lo porterà a diventare un adulto ed un buon sovrano.

Di che gioco si tratta?

Le caratteristiche principali di Ni No Kuni 2, che lo differenziano anche dal precedente titolo, sono:

  • Genere: Action RPG;
  • Tema: racconto di formazione e crescita interiore;
  • Modalità di gioco: giocatore singolo;
  • Grafica: buona, stile curato, immagini definite;
  • Musiche di sottofondo: coinvolgenti, soprattutto durante i combattimenti;
  • Combat system: fluido e dinamico, niente di troppo impegantivo;
  • Novità curiosa: la world map viene esplorata con personaggi “Chibi” (termine giapponese per indicare “persone basse”, “in miniatura”);
  • Piattaforme: PlayStation 4, Microsoft Windows.

Su cosa si focalizza l’attenzione?

Il videogame presenta una modalità storia single player ben articolata ed avvincente, un’avventura piena di colpi di scena ed emozioni, ma non è la trama ad avere il ruolo centrale.

L’elemento che salta agli occhi è sicuramente il combattimento, realizzato molto meglio rispetto a quello del precedente capitolo: il combat system è fluido e immediato, il giocatore può muoversi liberamente intorno al nemico, schivare gli attacchi, fare incantesimi (da imparare nel corso della vicenda), cambiare l’arma a seconda delle esigenze.

E poi ci sono loro, i Cioffi, buffi spiritelli di vari colori che forniscono aiuti durante la battaglia: possono attaccare gli avversari, fare mosse speciali, assegnare abilità temporanee, potenziare attacco e difesa; queste creature rendono il campo di gioco più vivace e meno statico. Le sfide contro i Boss sono movimentate e divertenti, con mostri ben ideati, ognuno con le proprie capacità. Evan incontrerà vari personaggi nel corso della storia, che talvolta potranno essere utilizzati dal giocatore.

Altro elemento di base è la personalità del giovane protagonista: all’inizio Evan sembra un bambino ingenuo e debole, ma con il procedere della narrazione vedrete crescere il suo coraggio e la sua determinazione. La volontà del giovane Re di porre fine all’odio e creare un unico Regno per tutti, vi terrà col fiato sospeso fino alla fine.

Riuscirà nel suo intento? Vedrete coronarsi il suo sogno? Non vi resta che scoprirlo. Lanciatevi all’avventura e… buon divertimento!

Rispondi