Friday the 13th

Nel giorno di Halloween, non potevamo che parlare di un bel (mica tanto) videogioco horror! Si tratta del non troppo recente Friday the 13th.

Il 2017 è stato un anno di grandi successi per il mercato videoludico, con l’uscita di titoli originali di ogni genere. Friday the 13th, pubblicato il 26 Maggio dello scorso anno, si inserisce tra i videogiochi horror più discussi. I fan sfegatati della serie cinematografica Venerdì 13 avevano atteso a lungo l’arrivo di questo capitolo, il quale, però, non si è dimostrato molto all’altezza delle aspettative. Per quale motivo? Sono state rilevati diversi difetti, un gameplay con molti glitch di sistema e bug, una modalità cooperativa online poco riuscita, i personaggi non hanno abilità particolari.

Come si presenta?

  • Genere: avventura dinamica, survival horror;
  • Serie: venerdì 13;
  • Modalità di gioco: giocatore singolo online con altri utenti, in terza persona;
  • Sonoro: suoni di sottofondo buoni e musiche adatte al contesto;
  • Grafica: soddisfacente;
  • Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows.

Cosa si deve fare?

Per iniziare è necessario collegarsi ad internet ed aspettare che ci siano altri utenti online disponibili per la partita.

Ci sono 8 giocatori: uno di loro interpreta Jason, mentre gli altri 7 sono gli “animatori”, i personaggi che lui deve raggiungere ed uccidere. Anche tu puoi essere l’assassino! In caso contrario, risolvi gli enigmi e cerca di metterti in salvo: puoi aggiustare il telefono per chiamare aiuto, procurarti la benzina per fuggire in auto, disperderti sulla mappa, trovare armi per rallentare Jason, ecc. Chi si dimostra più abile e/o riesce a sopravvivere, ottiene dei vantaggi. Attenzione! Il serial killer non può essere ucciso: se nel tempo di gioco riesce a far fuori tutti, è lui ad essere ricompensato.

Friday the 13th gameplay

Altre informazioni e consigli utili

  • Ci sono 8 mappe di gioco, tutte tratte dai primi 5 film;
  • Jason possiede abilità che gli consentono di rintracciare le vittime: teletrasporto, percezione, trasferimento, stalking e rabbia;
  • Gli animatori possono nascondersi sotto i letti o dentro gli armadi, ma attenti alle trappole; hanno a diposizione armi di vario genere e possono raccogliere strumenti da utilizzare per salvarsi (batterie, benzina, radio, fusibile, attrezzi, ecc.);
  • Più aumenta la paura, più le vittime sono rintracciabili da Jason: se sei uno di loro non rimanere troppo tempo al buoi e cerca di non guardare i cadaveri!
  • L’assassino può essere ucciso solo da Tommy Jarvis: se chiamato, il primo che è morto viene riportato in partita nei panni di Tommy, armato di fucile, coltello e spray medico;
  • Gli animatori possono aiutarsi a vicenda, ma senza una reale cooperazione;
  • Altre modalità disponibili: offline bots, cabina virtuale, sfide single player.

In fin dei conti, nonostante la superficialità della trama e un gameplay poco originale, il videogioco è perfetto per tutti gli appassionati della serie che vogliono trascorrere qualche ora di svago con i loro compagni.

Rispondi