Tutti voi state aspettando da tempo l’uscita di Yoshi per Nintendo Switch, il videogame che vede come protagonista il simpatico dinosauro verde della serie Super Mario.

L’uscita del gioco, che era prevista per l’estate 2018, purtroppo però è stata rimandata al 2019.

Per il momento quindi, vediamo la descrizione di questo gioco a grandi linee, in base al trailer ufficiale e al breve gameplay presentati durante l’Electronic Entertainment Expo 2017.

Yoshi per Nintendo Switch

Descrizione

Il videogioco Yoshi (titolo provvisorio) è stato sviluppato dall’Azienda Giapponese Good – Feel e appartiene al genere piattaforme a scorrimento laterale della serie Yoshi. Noterete alcune caratteristiche, che non sono mai state trovate in altri capitoli, e che rendono questo gioco particolarmente divertente e curioso. Gli aspetti principali sono:

Lo stile di gioco è molto vicino a quello di Yoshi’s Woolly World del 2015, per Nintendo 3DS e Wii U, in cui gli stage erano fatti di lana, come anche tutti i personaggi.

Le aspettative riguardo alla grafica sono molto buone.

Sono disponibili diversi livelli e tanti scenari allegri e colorati, simili a plastici in miniatura. Il vostro dinosauro potrà, inoltre, muoversi su tre dimensioni.

Ogni livello viene giocato su due lati dello stesso scenario (front side e back side), con percorsi predefiniti e luoghi nascosti che starà a voi scoprire. Davvero particolare non trovate?

Il giocatore deve raccogliere le monete, rifornirsi di uova per lanciarle contro i nemici e per distruggere oggetti, entrare dentro gli edifici posti lungo il cammino.

È possibile giocare con un compagno per dividersi i compiti e svolgere le azioni più velocemente. Il divertimento è assicurato!

Si possono collezionare delle margherite, cercando di individuarle lungo il percorso: per esempio possono trovarsi in zone nascoste o in mano ai nemici. Colpiteli e le otterrete!

Per chi non aveva ancora sentito parlare del nuovo arrivo, vi invito a guardare anche il trailer: sicuramente non potrete fare a meno di notare, già da adesso, l’originalità delle scelte videoludiche; starà poi a voi decidere se acquistarlo o meno.

A questo punto non mi resta che invitarvi a resistere ancora qualche mese, nella speranza che questa lunga attesa venga ripagata da un gioco oltre le aspettative.

Rispondi