Starbound logo

Sono passati ben 5 anni da quando la Chucklefish ha rilasciato le prime informazioni su Starbound.
Il titolo indie ha ricevuto così tanta notorietà e sostegno da prolungare fino a oggi il suo sviluppo.

La casa lo aveva anticipato già da qualche tempo ma un po tutti eravamo ancora dubbiosi dell’effettiva credibilità della notizia.
Invece pare sia tutto pronto, il gioco lascerà l’orbita questa sera e porterà con se tutti quei giocatori che finora attendevano impazienti questo momento.

Starbound lascia l'orbita

In questi anni di sviluppo abbiamo assistito a un fenomeno tanto raro quanto meraviglioso: mentre migliaia di giocatori già si divertivano a esplorare le galassie di questo gioco grazie al rilascio della versione ad accesso anticipato, gli sviluppatori prendevano nota di ogni desiderio e ogni imperfezione che veniva fornita dai partecipanti. Mese dopo mese mostravano orgogliosi una versione sempre più bella e completa di un gioco che pareva non volesse smettere di crescere.

C’è chi  questa cosa non l’ha gradita. Effettivamente tutto questo tempo per rilasciare una versione finale del gioco potrebbe far storcere il naso di chi in buona fede ha prenotato il gioco.
Starbound però ha insegnato molto sia agli sviluppatori della casa, che intanto hanno ampliato la loro collezione di titoli, sia a noi giocatori, che abbiamo visto maturare un titolo in base alle nostre necessità e ai nostri piaceri.
Questo collegamento diretto creato con i ragazzi che lavorano al titolo è una cosa che si vede (purtroppo) raramente.

L’evoluzione di Starbound

Cos’è cambiato in tutto questo tempo? Ne è valsa la pena aspettare?
Nel gioco sono state introdotte tantissime cose. Sarebbe davvero difficile riuscire ad elencarle tutte nello stesso articolo.
Si è passati da una versione iniziale del gioco abbastanza statica dove tutto si basava sul concetto di scava e costruisci, modello di gioco che si proponeva come via di mezzo tra titoli già noti come Terraria o Minecraft, a un continuo sviluppo che ha introdotto una sempre più profonda personalizzazione del gameplay.
Ora è possibile personalizzare praticamente qualsiasi aspetto : il personaggio, la nave con cui ci spostiamo tra i pianeti, l’equipaggiamento che sfoggiamo nelle partite multiplayer e molto altro.

Tutto ben documentato sul Blog o nel canale youtube dove sono spiegati tutti gli aggiornamenti che hanno portato il gioco a quello che è ora e che non vediamo l’ora di provare.
Una delle ultime novità è la compatibilità del gioco con lo Steam Workshop, una notizia bellissima che ci darà la possibilità di personalizzare ancora di più l’esperienza fornita dal gioco.

Starbound Steam

In partenza!

Considerando la passione che è stata messa dietro a questo titolo non c’è ragione di pretendere oltre dai creati del gioco. Gli stessi hanno comunque chiarito che continueranno a proporre aggiornamenti costanti al titolo.
Quindi si, ne è valsa pena  aspettare. Mentre prepariamo le nostre tute gravitazionali e le nostre armi di titanio vi proponiamo l’ultimo trailer rilasciato dalla casa che introduce gli ultimi update e ufficializza l’imminente rilascio previsto per le 20:00 di oggi.
Buon viaggio!

SHARE
Previous articleLa nuova proposta Enix: Cosmos Rings
Next articleFIFA 17: svelata la copertina del gioco
Romano, classe 1990. Studente di Matematica applicata da qualche anno, distratto dai videogame da sempre. Eclettico e molto curioso sono molto legato all'intrattenimento : amante del cinema e discreto strimpellatore di musica, adoro i giochi di ruolo ma so apprezzare titoli di ogni genere se in grado di esprimere il proprio valore tecnico e artistico.

Rispondi