Xbox One S

Xbox One S, prevista per fine agosto, è la nuova versione annunciata all’E3, promettendo alcune migliorie rispetto alla classica One. Andiamo a vedere quali saranno le modifiche apportate dalla Microsoft.

Dimensioni

La versione S occuperà circa il 40% in meno dello spazio destinato alla versione classica, grazie all’alimentatore interno, e con una colorazione bianca detta “robot”, a cui si aggiungerà il nero e potrebbero uscire colorazioni correlate ad edizioni speciali.

Ingressi

Le porte corrispondono quasi perfettamente a quelle presentate nella versione precedente, che ricordiamo essere, elencate da sinistra verso destra (parte posteriore):

  • Presa di Alimentazione
  • Porta HDMI Out (Televisori, monitor, proiettori…)
  • Porta HDMI In (Decoder Sky, Sorgenti video generiche…)
  • Due Porte USB 3.0, una delle quali usabile per connettere il Kinect tramite apposito adattatore, in quanto la porta dedicata non è più presente
  • Porta IR Out, usata per estendere la portata dei telecomandi nei confronti dei sistemi di home theater irraggiungibili
  • Porta S/PDIF, destinata ai cavi ottici in modo da consentire l’amplificazione del segnale audio da parte di appositi apparecchi
  • Porta Ethernet per far connettere la console alla rete tramite lo “spinotto del telefono grosso”, o RJ 45, piuttosto che tramite Wi-Fi

Dalla controparte frontale invece troviamo:

  • Tasto di accensione fisico, lo sfioramento non è più acconsentito
  • Tasto di espulsione del disco, sempre fisico
  • Una ulteriore porta USB 3.0
  • Tasto di accoppiamento per i controller
  • IR Blaster, usato per controllare tutti i dispositivi dell’home theater tramite Xbox One

Controller

Il nuovo controller avrà alcuni ritocchi sia per quanto riguarda la funzionalità che per il design. Un occhio di riguardo per la comodità, in quanto l’intero controller sarà anti grip, prevenendo lo scivolamento causato dal sudore o da qualsivoglia sostanza lubrificante. La portata è stata aumentata, impedendo la perdita di segnale anche a distanze considerevoli. Questo gioiellino sarà inscatolato con ogni nuova console e potrà essere utilizzato, tramite bluetooth, con i sistemi windows più recenti.

Vuoi metterla in piedi? Paga!

Scelta discutibile per quanto riguarda un accessorio per mettere in posizione verticale la console. Sarà compreso nella edizione da 2TB, con console venduta a 399€, in uscita per fine agosto. Si dovrà invece acquistare a parte, alla cifra di 19.99€, per chi opterà per la versione da 1 Tera, con un prezzo di listino di 349€, in uscita per fine 2016, e per la versione da 500 GB, da 299€, sempre per fine 2016.

Come te la cavi a schermo?

La nascitura di casa Microsoft avrà la compatibilità per tutti i titoli sbarcati per la versione classica, oltre alla compatibilità per 360. Nonostante il leggero miglioramento della potenza di calcolo, questa non sarà destinata ad incrementare alcuni parametri come il frame rate (volevi eh?), ma piuttosto per supportare l’HDR, una caratteristica dei nuovi televisori per permettere colori più vividi, seguendo lo standard HDR-10. Per ora a supportare la caratteristica è Gears of War 4, come annunciato ufficialmente, mentre alcuni titoli, fra i più probabili Forza Horizon 3 e Scalebound, potrebbero implementarla. La sopra citata potenza servirà inoltre a supportare il 4K, anche se sorge un “ma” grande come una casa. Per i videogiochi nativi di 360 e One, la risoluzione nativa resterà inalterata, quindi nel migliore dei casi un HD. Se in possesso di un televisore in 4K, la console scalerà l’immagine per farla arrivare al fatidico 4096×2160.

Blu-Ray

La console disporrà inoltre di un lettore Blu-Ray, supportando i Blu-Ray Ultra HD, con risoluzione pensata per il 4K, promettendo un impatto visivo veramente eccezionale.

 

Questo è tutto per questo articolo. Che ne pensi della One S? La acquisterai? Dicci cosa ne pensi nei commenti qui sotto, metti un mi piace alla pagina facebook e facci conoscere ai tuoi amici!

SHARE
Previous articleMonster Hunter Generation: launch trailer
Next articleMobius Final Fantasy
Luca Gherardini, aka Sparrow. Studio informatica in una città vicino casa mia, nelle meravigliose montagne dell'appennino Emiliano. Sono appassionato di videogiochi, computer e tecnologia in generale.

Rispondi