La barra del Download segna il 100%, il nome utente e la password sono state inserite, manca una cosa da fare: schiacciare il tasto Play e partire per questa avventura, tanto attesa quanto sofferta.
Raramente ho avuto hype nell’attendere i soli titoli di testa di un gioco, ma BlackDesert è questo: un mondo pieno di attesa ed aspettative. l’ effetto dissolvenza fa lentamente scomparire la scritta della software house facente capo al nome ” Pearl” e… siamo dentro.
Una sola parola può racchiudere il menù principale da me tanto sognato … Delusione, so perfettamente che questa non è la versione definitiva ma potevano riservarci delle texture più nitide e solenni, niente da dire invece sul comparto sonoro, veramente impeccabile.
Non starò a parlare dell’editor dei personaggi poiché era già disponibile, mi limiterò semplicemente a muovere una piccola critica verso la ormai consolidata scelta di valorizzare la figura femminile in maniera un po’ troppo sessista, non ho inoltre gradito il fatto che la classe pregiudicasse il sesso del proprio personaggio, ma sono scelte del tutto irrilevanti se il gameplay sarà degno di questo nome.
Una volta terminata la personalizzazione del nostro avatar un breve filmato introduttivo ci darà il via libera al mondo di gioco, il quale si presenta in maniera estremamente semplice ed intuitiva, un rapido tutorial ci guiderà attraverso le meccaniche di gioco tanto efficienti quanto rivoluzionarie. Per quanto ci ha potuto rivelare questa beta, il level design è strutturato in maniera molto lineare e tradizionale, facendo capo ad un solito sistema di quest che fin da subito si presenta in maniera molto varia, le missioni non sono infatti strutturate in maniera troppo omogenea ma tendono bensì a spaziare, costringendo il giocatore a cimentarsi in svariate attività molto diverse l’una dalle altre. I movimenti del nostro avatar sono veramente molto nitidi e il progressivo miglioramento del proprio personaggio è molto gratificante: il giocatore è spesso invogliato a passare ore davanti a “quest” o uccidendo mostri, al fine di vedersi equipaggiato quell’oggetto che gli è stato frutto di tanto sudore. Altra grande nota di merito va alle abilità del nostro alterego, molto spettacolari e varie fra loro.

Per quel che si è potuto provare non c’è veramente da annoiarsi! Ci sono ancora dei piccoli bug di interfaccia e selezione, minuzie che sicuramente verranno perfezionate prima della versione definitiva. Sono felice di concludere questo piccolo resoconto sulla beta con una gigantesca nota positiva riguardo il comparto grafico che ci accompagna durante la nostra avventura, il nostro occhio è veramente pago degli scenari in lontananza ma anche avvicinandoci ad essi non si perde una innovativa qualità nelle texture. Che altro dire BlackDesert è veramente il nextgen mmorgp tanto atteso da una schiera di appassionati videogiocatori come il sottoscritto, togliendo qualche piccola delusione personale mi attendo grandi cose da questo titolo che consiglio a tutti gli appassionati di questo genere, ma anche a chi vorrebbe cimentarsi in qualcosa di diverso dal solito. BlackDesert è un titolo che in definitiva ha rispettato le attese e ha rilanciato con delle preziose novità generando ancora più attesa per il suo lancio definitivo in Europa.

SHARE
Previous articleStarbound: Lavori sperimentali
Next articleStarbound: Avian Ant Farm
Nel lontano 2001 cominciai ad interessarmi di videogiochi, coltivai questo mio interesse con costanza e dedizione fino a diventare gamer. Sono un amante del survival horror: fedele innamorato delle inquadrature ad angoli fissi e delle poche munizioni, non disdegno la tipologia MMORGP, adoro la competizione con altre persone, e l'open word.

Rispondi